Chi sono

cropped-logo-con-scritta-laterale.jpg

premiazione supervisorCiao e benvenuta/o in ViviGiallo!

Ti voglio raccontare qualcosa di me.

Il mio nome è Milena Marchi, ho 55 anni, un compagno, Danilo con cui condivido la vita da 18 anni, e due meravigliosi figli: Andrea di 25 anni e Giovanna di quasi 24.

Fanno parte della nostra famiglia quattro amici pelosi, Gaia Frida Zelda e Zagor, rigorosamente gatti.

Ho vissuto, per mia grande fortuna, una vita piuttosto movimentata e questo mi ha permesso di vivere i cambiamenti in modo poco traumatico.

Ho avuto alti e bassi, come tutti.

Sono caduta tante volte, come molti.

Ho sempre trovato la forza di rialzarmi, come la maggior parte di noi.

Provengo da una famiglia modesta, ho fatto le scuole superiori e non ho proseguito gli studi perchè mi sono sposata giovanissima.

Sono quindi una persona “comune”.

Non ho sempre vissuto la vita dei miei sogni (ho dovuto chiuderne i cassetti parecchie volte!) tuttavia non ho mai smesso di sognare. Ecco, questo forse un po’ mi distingue perchè le persone che non sognano più o non hanno mai sognato sono veramente tantissime, anche tra i giovani, e la cosa mi rende un po’ triste.

Ho fatto tanti lavori, dalla cameriera alla rappresentante, dall’imprenditore, con mio marito, all’educatore all’impiegata, fino a ricoprire un certo ruolo di coordinamento all’interno della logistica di un’azienda.

Quest’ultimo lavoro mi stava “uccidendo”, mi rubava tutte le energie, facevo un sacco di straordinari, non potevo mancare, non potevo andare in ferie se non a caro prezzo, non ero pagata in base ai risultati che ottenevo, ma quel che proprio non sopportavo è che tirava fuori il peggio di me. Non c’era giorno che non mi dicessi: “io non sono così, io non sono così”.

Hai presente la sensazione?

Per un caso fortuito, ma non credo che le cose succedano per caso, ho incontrato, cinque anni fa, una persona che avrebbe cambiato il mio modo di vedere il mondo del lavoro e, ma ancora non lo sapevo…, la mia stessa vita. Fino a quel giorno pensavo che o fai il dipendente o fai il lavoratore autonomo, con tutti i rischi che ne conseguono.

Non è così!

E sarò ben felice di condividere con te la mia esperienza, di come ho potuto licenziare il mio capo e vivere finalmente libera, felice e grata all’Universo.

Milena

Salva